CARTELLONE


UNA STAGIONE LUNGA CINQUANT'ANNI
Con la fine del mese di aprile si chiude la stagione teatrale 2023-24. Una stagione densissima di qualità ed attività. Le stagioni teatrali, Senza Sipario e Famiglie a Teatro, hanno registrato il tutto esaurito con un totale spettatori di circa 3000 presenze.
Il Teatro Iqbal si accredita sempre più come teatro di comunità, dando ospitalità a compagnie, associazioni, scuole pubbliche e private per la realizzazione di spettacoli, saggi, presentazioni e convegni. Una attività stimabile intorno alle 150 giornate di attività continuativa.
Il mese di maggio vedrà il teatro riempire la sua sala, dei saggi di fine anno delle scuole e della nostra Scuola di teatro. A giugno, luglio e agosto i nostri Festival a Formia, Minturno, Spigno, Gaeta renderanno le piazze, i cortili, i siti archeologici, i parchi naturali, il mare stesso, palcoscenici unici e straordinari per vivere la cultura come momento centrale, come bisogno e non solo un mordi e fuggi per il turista di passaggio.
A Settembre partiremo con il progetto Teatri Senza Frontiere verso l'Africa, saremo a Lusaka in Zambia sino al 3 ottobre a portare sorrisi, laboratori e spettacoli nelle comunità e nei villaggi. A ottobre riprenderemo i corsi della nostra scuola di teatro rivolta ai bambini, agli adolescenti ed agli adulti. A novembre di nuovo, con le nostre nuove e straordinarie stagioni.
Il Teatro Bertolt Brecht quest'anno compie 50 Anni di attività ininterrotta; in tutti questi anni ci siamo concentrati più sul fare che sul dire e festeggeremo cercando ancora di fare meglio, di fare di più . Grazie a chi ci sostiene: Ministero della Cultura, Regione Lazio, ATCL circuito del Lazio, le Amministrazioni che ci stimano, le associazioni di categoria, UTOPIA teatro ragazzi, ATF, UNIMA.
Grazie ai nostri Maestri, Eugenio Barba e L'Odin Teatro, Pino Di Buduo e il Teatro Potlach, Antonello Antonante e il Teatro dell'Acquario, Lello Serao e il TAN, Ambrogio Sparagna, Il Teatro Tascabile,Mario Barzaghi, Paolo Cresta. Grazie al Teatro Ariston di Gaeta per l'affetto fraterno e professionale che ci lega da sempre. Grazie a don Carlo Lembo ed alla comunità della Chiesa del Carmine di Formia per aver creduto in noi ed aver dato vita alla esperienza condivisa del Piccolo Teatro Iqbal Masih.
Grazie a tutti i registi, gli attori e le attrici, i tecnici, gli scenografi, i musicisti, chi lavora in amministrazione, l'ufficio stampa, che in questi anni hanno condiviso con noi questo lungo viaggio in Carovana.
Grazie ai bambini e alle bambine che hanno riempito i loro e i nostri occhi di gioia risate lacrime e capriole.
Grazie al pubblico che sa sostenerci anche quando tutto intorno sembra andare storto. A tutti auguriamo che il sole della cultura sia sempre ben alto nel cielo, anche perché quando si abbassa, anche i nani sembrano giganti.

TEATRO BERTOLT BRECHT
Direzione artistica organizzativa
Maurizio Stammati
Amministrazione, Comunicazione e Ufficio Stampa
Simona Gionta
Chiara Laudani

Scuola di Teatro
Anna Maggiacomo
Sara Petrone
Chiara Laudani

Scenografie
Marco Mastantuono

Consulenti drammaturgie
Pompeo Perrone
Alessandro Izzi

Progetto Carcere
Peter Ercolano
Maurizio Stammati
Alessandro Parente

Attori ed Attrici
Anna Maggiacomo
Antonio Pernarella
Antonio Perna
Alessandro Parente
Chiara Laudani
Chiara Ruggeri
Dilva Foddai
Filomena Stammegna
Gianluca Cangiano
Lorenzo Vanità
Maurizio Stammati
Peter Ercolano
Sara Petrone

Assistenza tecnica
Geppo Canonaco
Peppe Palmiero
Daniele Licciardiello

Assistenti
Rinaldo Di Marco
Roberto Zottola
Sara De Marco

Elaborazione Grafica
Francesca Laudani

I nostri Consulenti Amministrativi
Andrea Di Principe
Gino De Santis

Sempre con noi nel nostro cuore
Pasqualina De Santis



Sabato, 4 maggio 2024, ore 18.30
PICCOLO TEATRO IQBAL MASIH
Via Vitruvio 342 - Formia


LUNGO IL NOSTRO CUORE
Poetesse russe nella Rivoluzione d'Ottobre
Anna Achmatova e Marina Cvetaeva

Sabato 4 maggio, alle ore 18.30, presso il Piccolo Teatro Iqbal Masih, si svolgerà il secondo incontro sulla poesia russa del Novecento, curato da Pasquale Gionta.
Marta Marciano e Serina Stamegna leggeranno i versi di Anna Achmatova e Marina Cvetaeva, accompagnate dall'organetto di Laerte Scotti. La stagione politica e umana, nella quale queste poetesse vissero, è la Rivoluzione d'Ottobre del 1917, guidata dal futuro Partito Comunista dell'Unione Sovietica. Entrambe, con i loro familiari, subirono l'emarginazione e le persecuzioni del regime che, nel caso della Cvetaeva, culminarono nel suicidio per impiccagione. La 'poesia della quotidianità' di Anna Achmatova (1889-1966), allo stesso tempo sofisticata e apparentemente tradizionale, è, in realtà, genialmente innovativa, capace di racchiudere, nella cornice lirica di poche strofe, come miniature psicologiche, un racconto d'amore. Il carattere fondamentale della poesia di Marina Cvetaeva (1892-1941) è "l'altezza" come disposizione spirituale, modo di porsi nei confronti della storia e della vita, motivo dell'immaginario, in una dimensione di assolutezza, esperienza dell'indicibile, di inarrivabili frequenze del cuore e della mente...

LUNGO IL NOSTRO CUORE - Poetesse russe nella Rivoluzione d'Ottobre


SENZA SIPARIO 2023/2024


FAMIGLIE A TEATRO 2023/2024


SCUOLA DI TEATRO BERTOLT BRECHT

SI RIPARTE! Dalla prima settimana di ottobre iniziano i corsi della scuola di teatro Bertolt Brecht. Prime due lezioni di prova e possibilità quest'anno di partecipare già dai 4 anni. Il teatro è per tutti!

Info e iscrizioni 327 3587181 o all'indirizzo email tbbscuolateatro@gmail.com

SCUOLA DI TEATRO BERTOLT BRECHT 2023/2024


FESTIVAL TAM XIX EDIZIONE - DAL 29 AGOSTO AL 3 SETTEMBRE

Possiamo solo dire grazie. Grazie a chi ci ha aiutato a fare di un sogno un viaggio, tra il tempo del sole e della luna, nella sabbia e nel sale del mare, tra i sorrisi, le risate e le lacrime di attori e spettatori increduli per tanta delicata bellezza. Non urla, non sgomita non sbraita questo Festival, c'è sempre chi deve esserci, chi ha bisogno di stare in compagnia e da solo allo stesso tempo. Ama gli abbracci, gli ascolti, i silenzi, le sfumature delle albe e le sferzate di rosso dei tramonti. Grazie a tutti e grazie agli uomini e alle donne del Brecht, alla loro pazienza ed alla loro testa dura, al loro credere che insieme è meglio che da soli. Grazie al Mediterraneo per tutto quello che ci dà e si trattiene, gioie, amori, colori, lacrime, dolori, risate e mangiate, bevute e parole cantate. Guardiamo all'inverno che bussa con lo sguardo leggero, arriverà di nuovo il profumo del vento. Grazie a chi ci vuole bene. Festival dei Teatri d'Arte Mediterranei, un sogno che resta.

Maurizio Stammati

Grazie a:

Fondazione Nicola del Roscio; Comune di Gaeta; Comune di Formia; Parco Regionale Riviera di Ulisse; Regione Lazio, Ministero della Cultura, Fuori Quadro; Teatro dell'Acquario di Cosenza; Teatro Blu di Varese; Teatro de poche Napoli; Teatro Abeliano Bari; Opificio 03 Roma; Accademia internazionale di Teatro - Circo a Vapore Roma; Casa editrice L'Orma; Circolo Nautico Formia; Club Nautico Gaeta; Coop Formia; RCA Formia.

Compagnia Agricantus Palermo; Graziella Di Mambro; Alice Patrioli; Vito Signorile; Sergio Vespertino; Pierpaolo Petta; Paolo Cresta; Peppe Miale; Marco Federici Solari ; Massimo de Matteo; Geppo Canonaco; Silvia Priori; Carlo Parente; Alessandro Parente; Redi Hasa; Valerio Daniele; Laura Scarano.

Teatro Bertolt Brecht: Maurizio Atammati; Pompeo Perrone; Chiara Ruggero; Chiara Laudani; Sara Petrone; Antonio Pernarella; Lorenzo Vanità; Anna Maggiacomo; Simona Gionta; Filomena Stammegna; Stefania Nocca, Peter Ercolano.

FESTIVAL TAM 2023


Teatro Iqbal Masih

04.07.2023 - CHIUDE CON UN GRANDE SUCCESSO LA DECIMA EDIZIONE DEL FESTIVAL MARAMEO - IL CANCELLO DELLE FAVOLE